Iniciar sesión

Antonio Blay

ANTONIO BLAY

Antonio Blay (Barcellona 1924-1985) inizia a interessarsi da molto giovane per la prospettiva orientale della realtà, e si preoccupò di trovarne una sintesi che fosse utile ed efficace per la nostra mentalità occidentale. Questo compito non fu un semplice sforzo intellettuale, ma il prodotto della propria esperienza. Un'esperienza che lo portò a un viaggio personale verso il centro della realtà. Da lì non c’è nulla sconosciuto, tutto è chiaro e positivo; Blay trasmetteva questa evidenza e bontà, e contemporaneamente invitava tutti a realizzare il proprio percorso di ciò che è il vero senso dell’esistenza: scoprire la realtà che siamo. 
 
Il percorso che indicava era quello di essere sempre più se stessi: senza credenze non sperimentate personalmente, senza ricette per eludere le difficoltà; utilizzare la vita come una scuola e i problemi come uno stimolo per scoprire la nostra natura essenziale. Non si tratta di girare intorno alle cose ma di guardarle con la sufficiente intensità e profondità per comprendere il significato e il ruolo che hanno nel nostro sviluppo. Guardare con interesse per vedere e comprendere, e sviluppare una posizione centrale di equilibrio, sicurezza e apertura che permette la libertà totale. 
 
Blay era il riflesso vivente di questa libertà, forza e serenità. Lo straordinario era che lo fosse conservando sempre l’aspetto di un uomo ordinario: uno qualsiasi, uno che semplicemente si era reso conto di quello che tutti siamo.
 
Questo ti dava fiducia nelle tue possibilità: se lui c'era riuscito, anche tu potevi. 

Web: http://www.antonioblay.com